recharge.green: balancing Alpine energy and nature

set 30, 2015

Il potenziale energetico da fonti rinnovabili delle Alpi è immenso. Questo contributo riduce le emissione di carbonio, ma aumenta la pressione sulla natura. Nell’ambito del progetto internazionale recharge.green, i partner hanno individuato soluzioni perché quest’operazione di bilanciamento abbia successo. In occasione della conferenza finale che si è tenuta il 20 e 21 maggio 2015 a Sonthofen in Germania, hanno discusso i risultati del loro lavoro con circa 100 partecipanti. >>

I giovani si assumono la responsabilità degli spazi naturali

apr 1, 2015

Giovani dibattono, quali azioni politiche occorrono per garantire la conservazione degli spazi naturali. © Tabea Tandler

Protezione contro le esondazioni, spazio ricreativo, prodotti agricoli – la natura fornisce all’uomo beni importanti per la sua vita. Come è possibile garantire questi servizi? E’ questa la domanda che si sono posti i partecipanti al Parlamento dei giovani per la Convenzione delle Alpi a Kamnik/S. >>

L’importanza di sperimentare strumenti e modelli teorici

gen 15, 2015
Alenka Petrinjak, Parco nazionale del Triglav, leader del work package "Sperimentazione e implementazione"

Alenka Petrinjak, Parco nazionale del Triglav, leader del work package “Sperimentazione e implementazione” (c) Alenka Petrinjak

Il progetto recharge.green è ormai giunto alla sua fase finale. Per i prossimi sei mesi i nostri esperti completeranno le mappe dei potenziali di energia rinnovabile nelle Alpi. Si sono sviluppati e si stanno perfezionando gli strumenti e i modelli finalizzati a testare il potenziale impatto delle energie rinnovabili sulla natura e sui servizi ecosistemici. >>

Valutazione dell’impatto delle energie rinnovabili sulla natura

gen 15, 2015
Zone di quiete per la fauna selvatica sono state integrate nelle mappe del sistema di supporto alle decisioni del Parco Nazionale del Triglav. L’interpretazione dei risultati è ancora in corso.

Zone di quiete per la fauna selvatica sono state integrate nelle mappe del sistema di supporto alle decisioni del Parco Nazionale del Triglav. L’interpretazione dei risultati è ancora in corso. (c) Parco Nazionale del Triglav

Fino a che punto è possibile utilizzare ragionevolmente le fonti rinnovabili? E in che modo si possono ridurre i conflitti con la conservazione della biodiversità? >>

Nuovo potenziale idroelettrico nelle Alpi francesi settentrionali

gen 15, 2015

Le reti dell’acqua potabile e delle acque reflue possono essere usate per la produzione di energia idroelettrica. Gli esempi di alcuni impianti pilota nelle Alpi francesi mostrano come questo sia possibile in economia, nel rispetto dell’ambiente ed evitando conflitti d’uso dell’acqua.

Nelle Alpi francesi i siti più favorevoli per la produzione idroelettrica sono già sfruttati. >>

Analisi di scenari di potenziale idroelettrico nelle Alpi

gen 15, 2015

I risultati del progetto recharge.green indicano che è possibile aumentare la produzione di energia idroelettrica del 10% in modo sostenibile sia dal punto economico che ambientale. (c) IIASA

L’energia idroelettrica è considerata una delle fonti di energia rinnovabile più promettente nelle Alpi. Alla luce dei numerosi nuovi impianti attualmente in fase di progettazione, è di importanza fondamentale prendere in considerazione non solo i costi della loro costruzione e delle infrastrutture ad essi associate, ma anche il loro potenziale impatto sui servizi ecosistemici alpini. >>

Pianificazione energetica partecipativa nelle Alpi Marittime

gen 15, 2015
Il progetto recharge.green ha permesso di individuare le fonti energetiche rinnovabili più adatte per la Val di Gesso e Vermenagna

Il progetto recharge.green ha permesso di individuare le fonti energetiche rinnovabili più adatte per la Val di Gesso e Vermenagna. (c) Parco naturale Alpi Marittime

La val di Gesso e Vermenagna nel Parco naturale Alpi Marittime è una delle sei aree pilota di recharge.green. L´istituto per le energie rinnovabili di EURAC supporta la pianificazione energetica nella valle, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di energia da biomasse forestali e di energia idroelettrica, tramite l´implementazione di un sistema di supporto alle decisioni. >>

”La biodiversità ha un ruolo crescente nelle energie rinnovabili”

gen 15, 2015
Intervista a Matteo Cesca dell’ARPAV

Intervista a Matteo Cesca dell’ARPAV (c) Matteo Cesca

Intervista a Matteo Cesca dell’ARPAV, osservatore nel progetto recharge.green

  1. Quali sono state le motivazioni dell’Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale del Vento, ARPAV, per diventare osservatore di recharge.green?

Nell’ambito di recharge.green collaboriamo con il partner Regione Veneto per la gestione sostenibile della risorsa idrica, l’interscambio di dati relativi a portate dei corsi d’acqua, database degli impianti idroelettrici e di informazioni tecniche sull’idroelettrico. >>